You can help! Youth Exchange a Berlino

Ho sempre voluto viaggiare… ho sempre voluto incontrare nuove persone… ho sempre avuto il desiderio di provare a parlare una nuova lingua… ho sempre voluto mettermi alla prova, anche su argomenti di cui avevo solo sentito parlare… ma non ho mai avuto l’occasione di fare tutto questo.

Direi che queste frasi le abbiano pensate almeno il 60% dei giovani.
L’opportunità, personalmente, l’ho avuta venendo a conoscenza di un nuovo “mondo”, gli YOUTH EXCHANGE (che fanno parte degli ERASMUS+ programme), ossia scambi giovanili, che permettono a giovani ragazzi provenienti da differenti Paesi (tra i 16 ed i 30 anni, ad eccezione del group leader che deve aver compiuto almeno 18 anni), di incontrarsi, vivere insieme e lavorare oltre che condividere progetti per brevi periodi (la durata di tali progetti è variabile dai 5 ai 21 giorni).
Da quel momento non ho più smesso!

Tra le varie NGO (non governmental organization, organizzazioni non governative) che sono partner di diversi progetti del programma Erasmus+, ho trovato Y.E.A.S.T. GENOVA, associazione nata nel 2012, che sostiene la mobilità internazionale come strumento di dialogo interculturale.
Questa associazione cercava ragazzi che partissero per un progetto dal 21 al 28 agosto 2017 in Germania, destinazione BERLINO (nello specifico, foresta Grunewald). Argomento principale: FIRST AID! “Primo soccorso”.

Sembra un argomento molto comune e diffuso in Italia, ma pensateci bene, avete mai avuto a che fare con una persona che sta svenendo per il caldo, o con una persona che non riesce più a respirare perché ha qualcosa in gola che ne impedisce la corretta respirazione? Sapete cosa fare quando siete attaccati da una medusa? Avete mai eseguito correttamente la manovra di Heimlich? Avete mai fatto una CPR, ma prima di tutto sapete cos’è? Sapete che nei film e nei video (che girano anche quotidianamente sui social) si vedono moltissimi errori, che rischiano di compromettere seriamente la vita del malcapitato?

Io come gli altri partecipanti a questo progetto (provenienti da Estonia, Germania, Macedonia e Polonia, oltre che noi italiani), abbiamo cercato di sfatare alcuni miti e leggende che girano nel mondo riguardo il primo soccorso.
Utilizzando una metodica non formale, fatta di workshops, ice-breakers, giochi e tanto altro, gli organizzatori del progetto, volevano, far sì che fossimo in grado di “fronteggiare” situazioni di emergenza che possono capitare nei momenti più disparati ed imprevedibili.
L’obiettivo del progetto è stato quello di sensibilizzare, (attraverso una partecipazione attiva, oltre che piacevole e divertente) oltre ai partecipanti, tutte le persone, su questo argomento così importante e delicato, attraverso la realizzazione tra le tante cose di diversi video, su come affrontare tali emergenze, e che è possibile trovare a questo link:

https://www.youtube.com/playlist…

o seguendo la loro pagina facebook: You Can Help

 

Personalmente, a chiusura di queste poche righe (che non possono racchiudere quei sette giorni, fatti di divertimento, amicizia, viaggi e tanto altro), mi permetto di consigliarvi di partecipare a questi progetti, ed inoltre ringrazio ancora Y.E.A.S.T. Genova, che ci ha permesso di conoscere nuovi amici, oltre che allargare i nostri orizzonti, su argomenti (quale il primo soccorso), a volte troppo spesso vittima di incomprensioni o pieni di miti.

Viaggiare è come sognare: la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato.
(Edgar Allan Poe)

Paolo

 

Annunci